Gigantomastia: Cosa Fare

Gigantomastia, diagnosi medica necessaria per stabilire se si tratta di un aumento patologico del seno

Con il termine gigantomastia si indica una crescita anomala ed estrema del seno femminile, che di solito è associata a alterazioni della ghiandola mammaria e dei tessuti connettivali.
Questa condizione insorge durante lo sviluppo del seno in età adolescenziale, ma può manifestarsi anche in altre fasi della vita.
Il seno troppo ingombrante può causare seri disturbi a carico della colonna vertebrale e dell’apparato scheletrico, dolori nella regione mammaria, problemi respiratori, vizi di postura e conseguenti dolori alle articolazioni e alla schiena. Può costituire inoltre un’imbarazzante problema estetico e una limitazione nelle attività quotidiane e nello sport.

Cos’è l’intervento di mastoplastica riduttiva per correggere la gigantomastia?

L’intervento si esegue in anestesia generale e richiede una/due notti di ricovero in clinica; ha una durata compresa fra una e tre ore circa.
Di solito a causa delle dimensioni del seno è necessario praticare un’incisione periareolare/verticale (cioè sia intorno all’areola sia verticalmente, fino al solco sottomammario), oppure un’incisione periareolare, verticale e orizzontale (cioè a forma di una T rovesciata).
Al termine dell’intervento vengono applicati piccoli drenaggi, la cui rimozione è indolore, per evitare accumuli o ristagni di liquido e agevolare la guarigione.

Come avviene l’intervento per la correzione della gigantomastia?

L’intervento si esegue in anestesia generale e richiede una/due notti di ricovero in clinica; ha una durata compresa fra una e tre ore circa.
Di solito a causa delle dimensioni del seno è necessario praticare un’incisione periareolare/verticale (cioè sia intorno all’areola sia verticalmente, fino al solco sottomammario), oppure un’incisione periareolare, verticale e orizzontale (cioè a forma di una T rovesciata).
Al termine dell’intervento vengono applicati piccoli drenaggi, la cui rimozione è indolore, per evitare accumuli o ristagni di liquido e agevolare la guarigione.

Qual è il decorso post operatorio?

Nel post operatorio possono verificarsi in rari casi complicanze generiche, che sono comuni a tutti gli interventi chirurgici, come reazioni all’anestesia, sanguinamento, ematoma, infezione, cattiva cicatrizzazione o alterazioni della sensibilità cutanea: si tratta di problemi transitori e reversibili. Per minimizzare la loro incidenza è importante affidarsi a un chirurgo plastico esperto e seguire con attenzione tutte le indicazioni pre e post operatorie.
In genere l’intervento offre un ottimo risultato sia sul piano estetico che funzionale, anche se comporta cicatrici permanenti (che possono essere nascoste dal reggiseno).

 

Per approfondimenti sull’intervento di correzione della gigantomastia potete visitare la pagina: http://www.lachirurgiadelseno.it/mastoplastica-riduttiva/

CONTATTAMI

Potremo valutare insieme un intervento di mastoplastica riduttiva per la gigantomastia a Firenze, nel mio ambulatorio in via Fra Bartolomeo,22

CONTATTAMI PER UNA VISITA PRELIMINARE 

Per ulteriori approfondimenti, e per avere risposta ai tuoi dubbi personali, puoi compilare il form
oppure contattare l’ambulatorio per un appuntamento al numero 055 5387207.

DAL NOSTRO BLOG

L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva

L’intervento di aumento del seno ha sempre un risvolto psicologico importante, e la qualità del risultato finale deve rispecchiare al meglio...
Read More
L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva

Tumori della pelle: cinque cose che è importante sapere per la prevenzione e la diagnosi precoce di queste patologie

I) Tumori della pelle: non sono tutti uguali Fra tutti i tumori che possono colpire gli esseri umani, quelli della...
Read More
Tumori della pelle: cinque cose che è importante sapere per la prevenzione e la diagnosi precoce di queste patologie

Le tre migliori strategie per curare la pelle al ritorno in città

La nostra pelle è esposta ogni giorno ad uno stress costante, provocato prevalentemente da inquinamento, sbalzi di temperatura, agenti chimici...
Read More
Le tre migliori strategie per curare la pelle al ritorno in città

Radiofrequenza: è un trattamento sicuro per la tua salute?

Oggi un numero sempre crescente di pazienti si affida alla radiofrequenza per migliorare il profilo corporeo e ringiovanire il volto....
Read More
Radiofrequenza: è un trattamento sicuro per la tua salute?

Lipofilling: indicazioni e controindicazioni di un intervento sempre più richiesto

Il lipofilling è un intervento sicuro e poco invasivo, che ci permette di aumentare di volume e dare maggiore definizione...
Read More
Lipofilling: indicazioni e controindicazioni di un intervento sempre più richiesto

Sei risposte importanti sul “re dei filler”, l’Acido Ialuronico

1) Cosa si intende per “filler di acido ialuronico” ? Si tratta di un prodotto che utilizziamo in medicina estetica...
Read More
Sei risposte importanti sul “re dei filler”, l’Acido Ialuronico

Ricostruzione mammaria con protesi: immediata o differita?

Oggi la maggior parte delle pazienti che hanno subito una mastectomia parziale o radicale opta per la ricostruzione del seno....
Read More
Ricostruzione mammaria con protesi: immediata o differita?

Mini lifting, tutto quello che devi sapere e le nuove tendenze del 2020

La tecnica di lifting del viso risale agli inizi del secolo scorso,  quando furono effettuati i primi interventi pionieristici. La...
Read More
Mini lifting, tutto quello che devi sapere e le nuove tendenze del 2020