Trapianti di capelli

CHE COS’E’ IL TRAPIANTO DI CAPELLI?

Il trapianto dei capelli è un intervento chirurgico che ci permette di ridistribuire sull’area calva del capo bulbi piliferi prelevati dalla zona della nuca, in cui sono più attivi e meno soggetti all’influenza degli ormoni.
La moderna chirurgia tricologica, della quale ci avvaliamo nel nostro studio a Firenze, sfrutta tecniche che si sono perfezionate nel corso degli anni, diventando molto meno invasive rispetto al passato: gli interventi attuali, oltre a dare risultati ottimi e naturali, non comportano dolore né cicatrici visibili.
Una o più sedute di autotrapianto di capelli possono rappresentare la soluzione definitiva di un problema che per molte persone è fonte di disagio.

PER CHI E’ INDICATO QUESTO INTERVENTO?

L’intervento può essere eseguito su pazienti maschi o femmine, senza sostanziali differenze di tecnica. Solitamente è consigliato a pazienti con un quadro già abbastanza chiaro e definito di progressione dell’alopecia. I pazienti giovani invece, che potrebbero andare incontro ad ulteriore progressione della calvizie, devono prevedere di dover ripetere nel tempo più sedute chirurgiche, in modo da mantenere un risultato sempre adeguato ai tratti del viso, senza vistosi cambiamenti.
Dopo l’intervento i capelli residui del paziente possono continuare a diradarsi, ma non i follicoli reimpiantati, poiché questi provengono dalla zona della nuca e perciò, per fattori genetici, sono meno sensibili all’ormone responsabile dell’alopecia (il DHA).

COME SI SVOLGE IL TRAPIANTO DI CAPELLI?

L’intervento consiste nel prelevare in piccoli gruppi le unità follicolari da un’area dove sono naturalmente più forti e numerose (come quella occipitale o parietale) per ridistribuirle nelle varie zone dove i capelli si sono diradati o sono scomparsi. Il chirurgo si serve di uno speciale bisturi cilindrico cavo (punch).

Durante la visita pre operatoria il chirurgo verifica l’idoneità del paziente all’intervento, che è legata al sesso, all’età, alle caratteristiche dell’area donatrice e al tipo di calvizie. Di comune accordo con il paziente individua il miglior risultato estetico che è possibile ottenere, l’estensione della superficie da infoltire e la densità di capelli desiderata.
Da queste valutazioni dipende l’entità dell’intervento e la sua durata.
La tecnica chirurgica di solito è mini invasiva e prevede l’ estrazione di singole unità follicolari (tecnica FUE), ma in alcuni casi si può trapiantare una porzione di cute (tecnica FUT o Strip, con cicatrici visibili).

QUAL E’ IL DECORSO POST OPERATORIO?

Se il trapianto è stato svolto con tecnica FUE, di solito i capelli possono essere lavati già il giorno successivo all’intervento, perché non è prevista alcuna medicazione.
Nelle prime settimane ci sarà un maggiore ricambio dei capelli, e le crosticine alla base dei bulbi trapiantati andranno via da sole.
La crescita dei capelli trapiantati può iniziare in tempi variabili, da due/tre settimane a alcuni mesi, a seconda dei casi.
Dopo circa due settimane dal primo intervento è possibile effettuare un nuovo rinfoltimento, a condizione che il paziente abbia molta cura dei capelli restanti e ne salvaguardi la vitalità.
Con le attuali tecniche mediche e chirurgiche ogni paziente ha la possibilità di recuperare una capigliatura normale con metodi sicuri e poco invasivi, il trapianto di capelli non deve perciò essere considerato un rimedio estremo a cui ricorrere solo quando la perdita di capelli è diventata un problema ossessivo. Naturalmente è indispensabile rivolgersi a professionisti esperti e centri specializzati per ottenere i migliori risultati.

CONTATTAMI

Nel mio ambulatorio a Firenze, in via Fra Bartolommeo 22, potremo valutare insieme un intervento di trapianto dei capelli
CONTATTAMI PER UNA VISITA PRELIMINARE 

Per ulteriori approfondimenti, e per avere risposta ai tuoi dubbi personali, puoi compilare il form
oppure contattare l’ambulatorio per un appuntamento al numero 055 5387207.

DAL NOSTRO BLOG

Qual è l’età minima e quella ideale per la rinoplastica?

Qual è il momento migliore per correggere un difetto del naso vissuto con disagio?
Read More
Qual è l’età minima e quella ideale per la rinoplastica?

Benvenuta “Perle”, la nuova generazione di protesi mammarie

Una nuova protesi mammaria con tecnologia (R)evolutionary BioQ -surface offre la massima sicurezza e naturalezza del risultato.
Read More
Benvenuta “Perle”, la nuova generazione di protesi mammarie

Mastoplastica additiva, cosa non fare dopo l’intervento

Molte pazienti vogliono sapere come ottimizzare la guarigione e il risultato dell'intervento, seguendo poche, semplici regole durante la convalescenza.
Read More
Mastoplastica additiva, cosa non fare dopo l’intervento

Gli interventi di chirurgia e medicina estetica in tempi di Coronavirus

Con voi ogni giorno, con il sorriso di sempre, osservando le regole per salvaguardare la salute di tutti.
Read More
Gli interventi di chirurgia e medicina estetica in tempi di Coronavirus

Chirurgia plastica degli zigomi (malaroplastica): come si svolge il decorso post operatorio?

Un approfondimento sul decorso post operatorio dopo l’intervento di malaroplastica.
Read More
Chirurgia plastica degli zigomi (malaroplastica): come si svolge il decorso post operatorio?

Quando il seno diventa “cadente” anche in età giovanile: le cause e i rimedi per questo problema.

La perdita di tonicità del seno interessa in alcuni casi anche giovani ragazze, ma può essere corretta chirurgicamente.
Read More
Quando il seno diventa “cadente” anche in età giovanile: le cause e i rimedi per questo problema.

Mento sfuggente e doppio mento: gli interventi e i trattamenti estetici più indicati a seconda della situazione

Doppio mento e mento sfuggente: le diverse soluzioni che riportano armonia nei tratti del viso.
Read More
Mento sfuggente e doppio mento: gli interventi e i trattamenti estetici più indicati a seconda della situazione

Borse e occhiaie: meglio un filler o l’intervento di blefaroplastica?

Borse e occhiaie possono essere eliminate con metodiche ambulatoriali o chirurgiche
Read More
Borse e occhiaie: meglio un filler o l’intervento di blefaroplastica?

Cosa puoi chiedere a un filler?

Non solo di eliminare le rughe, ma molto di più... I filler dermici, principalmente a base di acido ialuronico, sono...
Read More
Cosa puoi chiedere a un filler?

L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva

L’intervento di aumento del seno ha sempre un risvolto psicologico importante, e la qualità del risultato finale deve rispecchiare al meglio...
Read More
L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva
X

CONTATTAMI

* Dato obbligatorio

 

Nome e Cognome *

Indirizzo Email *

Telefono

Provincia *

Messaggio

Accetto le condizioni per il trattamento dei miei dati personali