Biorivitalizzazione e Biostimolazione

Cos’è la biorivitalizzazione?

La biorivitalizzazione, o biostimolazione, è un trattamento di medicina estetica che restituisce alla pelle la sua naturale freschezza, contrastando l’invecchiamento. Si basa sull’infiltrazione locale di sostanze in grado di stimolare la vitalità della cute, aumentando l’attività dei fibroblasti, cellule responsabili della produzione di collagene, elastina e glicosaminoglicani.

I prodotti impiegati per questo trattamento sono diversi, in funzione delle esigenze, si tratta solitamente di composti contenenti:

– acido Ialuronico
– aminoacidi (L-prolina, glicina, L.lisina e L. leucina), precursori biologici dei componenti della cute
– vitamine:
– la A, che agisce sulla densità della pelle
– la B, che agisce sul metabolismo degli acidi grassi
– la C, che agisce sulla sintesi del collagene e contrasta radicali liberi e eccesso di melanina
– la E, con spiccata azione anti radicali
– oligoelementi, come il magnesio
– coenzimi, che incrementano il metabolismo cellulare e la costruzione di nuovo tessuto

La biorivitalizzazione si effettua con un ciclo di sedute, di solito tre/quattro, da effettuare a due settimane di distanza l’una dall’altra.
In alcuni casi può essere indicato l’uso dei cosiddetti “stimolatori di collagene”, che richiedono invece un’unica seduta. In altri casi ancora si possono impiegare fili riassorbibili specifici per la biorivitalizzazione, che vengono inseriti a livello intradermico.

A cosa serve la biorivitalizzazione?

La biorivitalizzazione è un trattamento mini invasivo e privo di effetti collaterali, per questo può essere impiegato sia sulle pelli giovani, come misura preventiva per rallentare e prevenire il naturale processo di invecchiamento, sia in età più avanzata, per ridurre i segni del tempo.
Questo trattamento è in grado di stimolare il rinnovamento cellulare, rendendo il metabolismo cutaneo più attivo, come lo è nelle pelli giovani.

La biorivitalizzazione tissutale svolge principalmente queste tre azioni:

• azione ristrutturante: favorisce il turnover cellulare e la produzione di collagene, elastina e glicosaminoglicani, tra cui l’Acido Ialuronico stesso
• azione anti-ossidante: le vitamine proteggono la cute dai radicali liberi, prodotti di scarto del metabolismo cellulare, la cui presenza aumenta a causa di fattori ambientali e radiazioni ultraviolette
• azione idratante: l’Acido Ialuronico libero attrae e lega una grande quantità di molecole di acqua nel derma, ripristinando un grado di idratazione ottimale

Su quali aree del corpo possiamo eseguire la biorivitalizzazione?

Il trattamento si presta ad essere effettuato su varie aree del corpo: viso, collo, décolleté, seno, dorso delle mani, braccia, interno cosce, pancia e altre aree critiche dove il trascorrere del tempo mostra maggiormente i suoi effetti. Con la biorivitalizzazione è possibile restituire alla pelle le sue caratteristiche naturali di idratazione, elasticità e morbidezza, e al tempo stesso proteggerla dall’azione dannosa dei radicali liberi, grazie alle vitamine antiossidanti. Il meccanismo della biorivitalizzazione, o biostimolazione, va a contrastare alla radice i processi di invecchiamento.

Quali sono i trattamenti eseguibili assieme alla biorivitalizzazione?

La biorivitalizzazione si presta ad essere inserita in un protocollo personalizzato a seconda delle esigenze della paziente, per ottenere i migliori risultati. Di solito si associa ad altri trattamenti medico estetici come peeling, infiltrazione di filler e tossina botulinica, trattamenti laser.

Come avviene il trattamento?

Il trattamento è ambulatoriale e non richiede anestesia, ha la durata di 15 minuti circa, dopodiché si possono riprendere subito le normali attività.

Quanto durano gli effetti di questo trattamento?

Gli effetti della biorivitalizzazione sono immediatamente visibili: la pelle appare più luminosa, fresca e tonica fin dal primo trattamento. Per mantenere la pelle sempre perfettamente idratata e in salute, si consiglia di effettuare un ciclo di biorivitalizzazione una/due volte all’anno.

Biostimolazione viso quante sedute?

E’ necessario effettuare un certo numero di sedute per riportare la pelle ad una condizione ottimale, e mantenerla con richiami periodici. Di solito, per ottenere un ottimo risultato sono sufficienti cinque o sei sedute.

Ci sono possibili effetti indesiderati?

In alcuni casi possono comparire piccole ecchimosi nei punti di inserimento dell’ago, che scompaiono naturalmente entro pochi giorni. E’ possibile nascondere questi segni con il maquillage.
In rarissimi casi si possono verificare edema e/o indurimenti nella regione trattata, dolore, infiammazione e rigonfiamenti localizzati, fenomeni comunque transitori e reversibili.

CONTATTAMI

Potremo valutare insieme un trattamento di biostimolazione a Firenze, nel mio studio, in via Fra Bartolommeo 22.

DAL NOSTRO BLOG

Qual è l’età minima e quella ideale per la rinoplastica?

Qual è il momento migliore per correggere un difetto del naso vissuto con disagio?
Read More
Qual è l’età minima e quella ideale per la rinoplastica?

Benvenuta “Perle”, la nuova generazione di protesi mammarie

Una nuova protesi mammaria con tecnologia (R)evolutionary BioQ -surface offre la massima sicurezza e naturalezza del risultato.
Read More
Benvenuta “Perle”, la nuova generazione di protesi mammarie

Mastoplastica additiva, cosa non fare dopo l’intervento

Molte pazienti vogliono sapere come ottimizzare la guarigione e il risultato dell'intervento, seguendo poche, semplici regole durante la convalescenza.
Read More
Mastoplastica additiva, cosa non fare dopo l’intervento

Gli interventi di chirurgia e medicina estetica in tempi di Coronavirus

Con voi ogni giorno, con il sorriso di sempre, osservando le regole per salvaguardare la salute di tutti.
Read More
Gli interventi di chirurgia e medicina estetica in tempi di Coronavirus

Chirurgia plastica degli zigomi (malaroplastica): come si svolge il decorso post operatorio?

Un approfondimento sul decorso post operatorio dopo l’intervento di malaroplastica.
Read More
Chirurgia plastica degli zigomi (malaroplastica): come si svolge il decorso post operatorio?

Quando il seno diventa “cadente” anche in età giovanile: le cause e i rimedi per questo problema.

La perdita di tonicità del seno interessa in alcuni casi anche giovani ragazze, ma può essere corretta chirurgicamente.
Read More
Quando il seno diventa “cadente” anche in età giovanile: le cause e i rimedi per questo problema.

Mento sfuggente e doppio mento: gli interventi e i trattamenti estetici più indicati a seconda della situazione

Doppio mento e mento sfuggente: le diverse soluzioni che riportano armonia nei tratti del viso.
Read More
Mento sfuggente e doppio mento: gli interventi e i trattamenti estetici più indicati a seconda della situazione

Borse e occhiaie: meglio un filler o l’intervento di blefaroplastica?

Borse e occhiaie possono essere eliminate con metodiche ambulatoriali o chirurgiche
Read More
Borse e occhiaie: meglio un filler o l’intervento di blefaroplastica?

Cosa puoi chiedere a un filler?

Non solo di eliminare le rughe, ma molto di più... I filler dermici, principalmente a base di acido ialuronico, sono...
Read More
Cosa puoi chiedere a un filler?

L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva

L’intervento di aumento del seno ha sempre un risvolto psicologico importante, e la qualità del risultato finale deve rispecchiare al meglio...
Read More
L’eccellenza dei risultati è fatta anche di piccoli particolari: ecco “Noa”, il reggiseno 3D per la mastoplastica additiva
X

CONTATTAMI

* Dato obbligatorio

 

Nome e Cognome *

Indirizzo Email *

Telefono

Provincia *

Messaggio

Accetto le condizioni per il trattamento dei miei dati personali